La Street Art del Riciclo Creativo

La Street Art del Riciclo Creativo

318
0
SHARE
Bordalo: Pappagallo Arara

La Street Art si Fonde con l’Arte del Riciclo Creativo

L’utilizzo di materiali riciclati permetterà agli street artist più ambiziosi la realizzazione di imponenti opere d’arte urbana.
Ne sono convinti alfieri artisti come il portoghese Artur Bordalo, aka Bordalo II, che ha fuso l'”arte del riciclo” a quella dei suoi splendidi murales.

Bordalo Grillo Spaziale - Street Art
Utilizzando un supporto in legno come base, vi assembla sopra cumuli di oggetti e materiali di scarto, servendosi di teli di plastica, vecchi pneumatici, grovigli di cavi elettrici creando spettacolari collages, rappresentanti mastodontici e coloratissimi animali 3D.
Dopo la fase di posizionamento degli oggetti, l’artista passa direttamente alla verniciatura a spruzzo, donando alle sue opere incredibili effetti cromatici, firmando una street art davvero d’impatto.

Robottino LABADANzkyLABADANzky è il colletivo genovese divenuto famoso a Genova (e non solo) per le sue  installazioni artistiche e per le sue creature robotiche costruite con vari elementi di scarto, riciclando materiali non più utilizzabili (fra cui pezzi di metallo, cemento, luci dei semafori e tutto ciò che può far parte del contesto cittadino).
È formato da un gruppo di artisti di cui non si conosce l’identità ed è nato nel 2011, abbracciando l’arte concettuale e street art e facendosi conoscere velocemente grazie alla produzione di pupazzi e “creaturine estranianti” collocati sul territorio urbano.

Paige Smith: Geode

Paige Smith, artista e designer californiana, ha scelto la carta riciclata per adornare gli edifici degradati di Los Angeles. Le creazioni dalle dimensioni maggiori coprono i mattoni mancanti di numerosi edifici abbandonati tra Echo Park, Arts District o Abbot Kinney Boulevard arricchendoli di bagliori cangianti.

Firenze: Il Sedicente Moradi Tuffatore

Moradi il Sedicente è uno street artist fiorentino che crea sculture con materiale di recupero, come rami secchi e foglie lasciati dalle potature. Gli esempi più famosi del suo lavoro sono il “Tuffatore” di legno sulla pescaia di Santa Rosa, “L’uomo dell’autunno” alla rotonda Brunelleschi e il cervo ligneo sulla pescaia che guarda Borgo Ognissanti.

SHARE
Articolo precedenteL'Italia del riutilizzo, ecco i numeri
Articolo successivoNatale con il Riciclo Creativo
“Se puoi visualizzarlo perchè stamparlo?” Ecologismo e passione per il web sono le parole chiave che mi descrivono meglio. Appassionata di comunicazione 2.0 e grafica, partecipo al progetto Reinventamo perchè credo nel potere della creatività e della fantasia al servizio del bene comune!

NESSUN COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA